Abusivismo e contraffazione, Confcommercio plaude all’operato della Guardia di Finanza di Città di Castello

venerdì 5 maggio 2017 11:44:29
“La concorrenza sleale danneggia i consumatori, ma anche le imprese operano nella legalità", dice Mauro Smacchia, presidente Confcommercio Città di Castello.
“La concorrenza sleale, che deriva dall’abusivismo e dalla contraffazione, danneggia in primo luogo i consumatori, ma anche le imprese che tutti i giorni operano nel rispetto delle regole”, dice per conto degli imprenditori tifernati Mauro Smacchia, presidente Confcommercio Città di Castello, plaudendo all’operato della locale Guardia di Finanza, che ieri ha effettuato un maxi sequestro di merce contraffatta a Città di Castello.

“Il lavoro della Guardia di Finanza - aggiunge - è veramente prezioso su questo fronte. Tutti i fenomeni di illegalità commerciale, che Confcommercio segnala spesso alle autorità competenti, impattano pesantemente sul sistema economico-sociale, perché determinano la chiusura di imprese oneste e la perdita di posti di lavoro, mettono a rischio la tutela dei consumatori, la sanità e la sicurezza pubblica, causano un danno d’immagine che penalizza interi territori come, in questo caso, tutto il centro storico di Città di Castello e le imprese che qui lavorano”.
Contatta Confcommercio Umbria: siamo a disposizione