Debutto difficile per gli Indici di Affidabilità Fiscale, si attende la proroga dei versamenti

mercoledì 12 giugno 2019 10:09:49
Ritardi nel rilascio del software ufficiale, mancanza delle circolari esplicative, incertezze sui contenuti dell’attesissimo decreto di proroga: sono tutti elementi che rendono difficile il debutto degli Indici di Affidabilità Fiscale (ISA) che, a decorrere dal periodo d'imposta 2018, subentrano agli Studi di Settore per le attività economiche nel settore del commercio, delle manifatture, dei servizi e delle attività professionali.
INFO: Responsabile Fiscale Seac Confcommercio - Nicoletta Censi - Tel. 075.506711- n.censi@confcommercio.umbria.it.
I nuovi ISA, tramite l'elaborazione dei dati contabili ed extracontabili dichiarati dal contribuente, forniscono una sintesi di valori attraverso cui sarà possibile verificare la normalità e la coerenza della gestione aziendale o professionale, consentendo al contribuente di determinare il proprio indice di "affidabilità fiscale" - in una scala compresa tra 1 e 10 - e accedere, eventualmente, ai benefici premiali.

Studi di settore addio, in vigore i nuovi indicatori ISA 2019

Intanto, sembra sempre più vicina la proroga dei versamenti dal 1° al 22 luglio, chiesta anche da Confcommercio.
Il ministro dell’Economia Giovanni Tria ha firmato il decreto del presidente del Consiglio dei ministri per lo slittamento del termine a causa del ritardo nella diffusione del software ufficiale per la compilazione – e quindi per il calcolo delle imposte dovute – delle nuove pagelle fiscali ISA, che da quest’anno prendono il posto degli Studi di settore.
Il decreto ora dovrà andare a Palazzo Chigi per la firma del premier Giuseppe Conte. Servirà poi la registrazione della Corte dei Conti per il successivo approdo in Gazzetta Ufficiale.
Contatta Confcommercio Umbria: siamo a disposizione