E45, i gestori Figisc Confcommercio chiedono misure speciali per salvare 100 posti di lavoro

lunedì 21 gennaio 2019 15:26:47
Distributori di carburanti ko per effetto della chiusura della E45. Figisc Confcommercio Umbria ha chiesto pertanto alla Regione che si attivi per ottenere la cassa integrazione salari straordinaria in deroga, necessaria per salvare almeno 100 posti di lavoro.
Non occorre solo fare presto. Occorre anche, da subito, individuare misure straordinarie per sostenere le imprese che in questo momento soffrono più di altre, in modo che possano restare sul mercato fino a quando l’emergenza E45 sarà risolta.

Sono una ventina gli impianti di distribuzione del carburante attivi lungo la E45, messi in ginocchio dalla sua chiusura. Ad essere penalizzati non sono solo quelli più vicini al tratto sotto sequestro, nell’alta Umbria, che in qualche caso hanno addirittura chiuso. Tagli di circa il 50% nel fatturato si registrano anche in quelli vicini al capoluogo di regione, dove a crollare non è solo la vendita della benzina ma anche di tutti i servizi accessori, a cominciare da quelli di pubblico esercizio.

“Il danno è già enorme, la preoccupazione è tanta”, commenta Giulio Guglielmi, presidente di Figisc Confcommercio Umbria, l’associazione dei gestori di impianti stradali di carburante. “L’incertezza sui tempi di soluzione della vicenda E45 aggrava la situazione di tanti colleghi che stanno vivendo la chiusura della superstrada come una vera e propria calamità.
Le nostre sono piccole imprese, ma insieme pesano nell’economia di questa regione: in questo momento sono a rischio almeno 100 posti di lavoro e il futuro di altrettante famiglie”.

Figisc Confcommercio Umbria, dando voce alle serie difficoltà dei propri associati e degli operatori, chiede che la Regione possa farsi parte diligente perché venga riconosciuto un aiuto a queste attività; in particolare, ricordando che per effetto della riforma degli ammortizzatori sociali intervenuta dal 1° gennaio 2017 le aziende che occupano fino a cinque dipendenti hanno perso ogni ammortizzatore sociale utile per gestire le crisi, Figisc Umbria ha chiesto che la Regione si faccia carico della necessità impellente di adottare misure di integrazione al reddito dei lavoratori di tali aziende reintroducendo la normativa della cosiddetta cassa integrazione salari straordinaria in deroga, per la sola causale legata a situazioni aziendali dovute ad eventi transitori e non imputabili all’imprenditore o ai lavoratori.

Nei giorni scorsi, Confcommercio Umbria e Federalberghi avevano già manifestato le forti preoccupazioni degli imprenditori umbri per la situazione di incertezza che si è creata a seguito della chiusura della E45. “Ora è strategico il fattore tempo - hanno ribadito le due associazioni - bisogna risolvere questa situazione nel minor tempo possibile per limitare i danni agli imprenditori e ai cittadini umbri”.




Contatta Confcommercio Umbria: siamo a disposizione