Information Tecnology, sinergia tra Assintel Umbria e Assintel Sicilia

giovedì 1 dicembre 2016 19:00:09
Il 2 dicembre una delegazione dell’associazione umbra dell’IT aderente a Confcommercio è a Catania per promuovere una cultura dell'innovazione.



Per le imprese dell’Information Tecnology è una necessità volgere lo sguardo oltre i propri confini regionali, o addirittura nazionali. Per questo Assintel – l’associazione delle imprese  IT aderente a Confcommercio - ha tra gli obiettivi principali quello di favorire la sinergia tra imprese e territori, con la condivisione delle best practices sviluppate in uno specifico contesto ma adattabili ad altri, e promuovere, soprattutto, una vera e propria cultura dell’innovazione, perché è l'uomo che innova usando la tecnologia, e non il contrario.

In questa ottica una delegazione di Assintel Umbria - il presidente Roberto Palazzetti, che è anche vice presidente nazionale, e i consiglieri Alessio FioroniCino Wang Platania – il 2 dicembre è a Catania in occasione dell’Assemblea Regionale Assintel Sicilia sul tema “Un distretto IT per la Sicilia: la rete delle imprese Assintel”.   

“Portiamo il nostro contributo – sottolinea Roberto Palazzetti – al dibattito sul tema della cosiddetta digital transformation e porremo le basi per attivare una collaborazione e uno scambio di esperienze costante e strutturato con Assintel Sicilia.

Umbria e Sicilia sono due realtà diverse ma accomunate da “debolezze” che anche grazie al contributo  e allo sviluppo di un rete di imprese IT possono essere superate, creando nuove prospettive di sviluppo.

Non a caso in entrambe la regioni, pur tra mille difficoltà, c’è un notevole dinamismo  all’interno del comparto Information Tecnology e una grande voglia di essere protagonisti dell’innovazione dell’economia, del tessuto imprenditoriale più tradizionale e della società locali. Ogni forma di collaborazione – conclude Palazzetti – ci rende più forti e competitivi, per questo siamo molto soddisfatti di questa sinergia con Assintel Sicilia, da cui ricaveremo frutti utili a entrambi i territori”.  

Contatta Confcommercio Umbria: siamo a disposizione