Pensioni, ulteriore intervento di "salvaguardia"

domenica 17 gennaio 2016 18:37:41

Previsto il settimo intervento di salvaguardia in relazione ai nuovi requisiti introdotti dalla Riforma pensionistica Fornero, garantendo l'accesso al trattamento previdenziale con i vecchi requisiti ad un massimo di ulteriori 26.300 soggetti.

Previsto il settimo intervento di salvaguardia in relazione ai nuovi requisiti introdotti dalla Riforma pensionistica Fornero, garantendo l'accesso al trattamento previdenziale con i vecchi requisiti ad un massimo di ulteriori 26.300 soggetti, sia individuando nuove categorie di soggetti beneficiari, sia incrementando i contingenti di categorie già oggetto di precedenti salvaguardie, attraverso il prolungamento del termine (da 36 a 60 mesi successovi all'entrata in vigore della riforma pensionistica) entro il quale i soggetti devono maturare i vecchi requisiti.

Per effetto di queste disposizioni il limite massimo numerico totale di soggetti salvaguardati viene stabilito in 172.466. Il provvedimento sostanzialmente ricalca la precedente sesta salvaguardia dalla quale si differenzia per lo spostamento dal 6 gennaio 2016 al 6 gennaio 2017 del termine per maturare la decorrenza  della prestazione pensionistica, e per l'inclusione tra i soggetti beneficiari della salvaguardia dei lavoratori titolari di trattamento edile e dei lavoratori provenienti da aziende cessate o interessate all'attivazione delle procedure concorsuali quali fallimento, concordato preventivo, liquidazione coatta amministrativa, etc.

In ogni caso il trattamento pensionistico non può comunque avere decorrenza anteriore sal 1° gennaio 2016.  

Per informazioni e per verificare la propria posizione pensionistica: 50&PIU', Via Settevalli 320, Perugia, tel. 075.5067178; Confcommercio territoriali. 

Contatta Confcommercio Umbria: siamo a disposizione