Testo Unico sul turismo: accolte alcune richieste Fiavet Umbria, ma il confronto continua

giovedì 7 luglio 2016 18:11:30
Serrato il confronto con la Regione dell’Umbria, in vista della definizione nuovo Testo Unico sul Turismo. Già accolte alcune richieste Fiavet, ad esempio per quanto riguarda la possibilità di esercitare attività complementari al viaggio o l’abilitazione del direttore tecnico, ma su altri temi scottanti, come la regolamentazione più restrittiva dell’attività occasionale di organizzazione viaggi, il confronto continua e sarà acceso.

Il nuovo Testo Unico del Turismo accoglierà alcune delle richieste di Fiavet Umbria Confcommercio.

-         Così come già sperimentato in Toscana, dove la Regione consente alle agenzie di viaggio di svolgere, in maniera non prevalente, servizi accessori, come la vendita di guide, libri di viaggio, etc…,  anche le agenzie di viaggio umbre avranno la possibilità di svolgere attività complementari al viaggio.

-         Per quanto riguarda l’abilitazione professionale del direttore tecnico, finalmente sarà nuovamente riconosciuta anche l’esperienza acquisita nel tempo, così come prevedono le norme comunitarie.  Su questo tema, Fiavet Umbria ha chiesto alla Regione che gli esami di abilitazione possano essere effettuati nuovamente, e con cadenza annuale, anche in Umbria.

 

Il confronto con la Regione, naturalmente, continuerà fino alla definitiva approvazione del Testo Unico. Tema centrale per Fiavet Umbria è ora quello della lotta all’abusivismo in questo settore. Per questo Fiavet chiede una modifica alla normativa attuale, in modo da limitare l’attività di tutti quei soggetti che organizzano gite di durata non superiore ad un giorno in modo occasionale. Fiavet chiede, in particolare, che sia definito il temine “occasionale”, perché negli anni molti soggetti hanno predisposto una vera e propria programmazione annuale, facendo diventare questa possibilità come un attività sistematica. 

Contatta Confcommercio Umbria: siamo a disposizione