Trasmissione telematica dei corrispettivi, niente sanzioni per i commercianti che non hanno ancora i nuovi apparecchi

domenica 30 giugno 2019 00:09:42
L'Agenzia delle Entrate ha fornito i chiarimenti chiesti da Confcommercio in vista dell'entrata in vigore - prevista il 1° luglio -  di un obbligo che riguarda centinaia di migliaia di imprese: chi non ha potuto dotarsi del registratore telematico potrà continuare a utilizzare, per i prossimi sei mesi, il vecchio registratore di cassa senza incorrere in sanzioni, inviando i dati all'Agenzia delle Entrate entro il mese successivo.

TRASMISSIONE TELEMATICA DEI CORRISPETTIVI, NIENTE SANZIONI PER CHI NON HA ANCORA A DISPOSIZIONE I NUOVI APPARECCHI
L’agenzia Entrate con apposita circolare diramata il 1° luglio ha chiarito che i contribuenti che non abbiano ancora ad oggi la disponibilità del registratore telematico possono assolvere l’obbligo di memorizzazione giornaliera dei corrispettivi mediante i registratori di cassa già in uso, ovvero tramite le ricevute fiscali, compilando anche il registro dei corrispettivi.

L’invio telematico dei corrispettivi potrà successivamente essere effettuato entro il mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione, con modalità da stabilire prossimamente da parte dell’Agenzia Entrate. Questa facoltà è ammessa fino al momento di attivazione del registratore telematico e in ogni caso non oltre sei mesi di vigenza dell’obbligo, che scadono il 31/12/2019.


INFO: Servizio Fiscale Seac Confcommercio Umbria, Nicoletta Censi, tel.075.506711, n.censi@confcommercio.umbria.it
Contatta Confcommercio Umbria: siamo a disposizione